Muore Jess: ecco la terribile storia della modella che si è curata con le terapie alternative

Di seguito l’articolo pubblicato in originale su Today.it:

È morta Jessica Aniscough, modella che a 22 anni scoprì di avere un raro tumore (sarcoma) al braccio sinistro. Dopo un ciclo di chemioterapia andato bene, il tumore ritornò e i medici le avevano comunicato che l’unica strategia era amputare il braccio: una scelta dolorosa, ma che le avrebbe probabilmente salvato la vita (circa il 72% la probabilità di successo).

Per Jess fu troppo e così iniziò a cercare possibili alternative, trovando “fortuna” nel metodo Gerson, una pseudoterapia senza alcuna base scientifica che prevede rimedi naturali contro il cancro: frullati di frutta e verdura e 5 clisteri di caffè al giorno. Una terapia che non solo non ha ancuna validità, ma è anche molto costosa (e purtroppo anche molto diffusa). Jess diventò così portavoce del metodo, andando a parlare al pubblico dei benefici di questa cura naturale. La chiamavano The Wellness Warrior.

Anche la madre, affetta da tumore al seno, sostenne la sua “campagna” e si curò col metodo Gerson. Dopo pochi anni la madre morì e iniziarono a trapelare notizie sul fatto che Jess non stesse affatto bene. I segni del tumore sul suo corpo, infatti, erano evidenti, come la terribile deformazione del suo braccio sinistro. Jess fino in fondo credeva che quei frullati avrebbero purificato il suo organismo.


E invece la favola è finita, come era purtroppo previsto da chi aveva da tempo giudicato quella terapia inutile, costosa e pericolosa. Una storia tragica che deve però far riflettere: la medicina alternativa che funziona si chiama semplicemente medicina. E purtroppo il metodo “naturale” Gerson non è una di queste.

 

@FedeBaglioni88

Federico Baglioni

About Federico Baglioni

Biotecnologo curioso, ho frequentato un Master in giornalismo scientifico a Roma. Sono autore di articoli e libri di divulgazione scientifica, organizzo eventi scientifici e sono fondatore di Italia Unita Per La Scienza e 06Scienza. Mi trovate su YouTube, G+, Facebook e @FedeBaglioni88

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>