La medicina germanica? Una falsa cura


Di seguito l’articolo pubblicato in originale su Notte Con Le Stelle:

Oggi parliamo della medicina di Hamer o nuova medicina germanica. Prima però è necessario fare una premessa. Tra i tanti temi scientifici di cui è possibile trattare, uno dei più complicati è sicuramente la medicina e la cura delle malattie. Questo è dovuto al fatto che all’aspetto scientifico si mischiano emozioni, paure, speranze e necessità di trovare un salvatore e un colpevole.

Gli ultimi due secoli ci hanno regalato l’abbondanza e un aspettativa di vita qualitativamente e quantitativamente nettamente migliore di quella di un tempo. Tuttavia molti problemi persistono: alcune malattie non sono scomparse, altre sono diventate prevalenti, come i tumori, e il mondo medico-scientifico ha perso quella simpatia e fiducia che le persone mostravano per essa, complici gli scandali, gli errori e una certa rigidità del mondo scientifico.

Per questo motivo sono nate (o ricomparse) diete, cure e rimedi che non hanno alcuna base, ma si pongono come alternativa empatica e “innovativa” alle cure tradizionali. Sono in genere terapie di nessun valore, che possono diventare anche molto pericolose ed è bene, quindi, starci veramente attenti.

Come nasce questa medicina? In un modo sicuramente piuttosto strano. Siamo nel 1978 e il figlio del medico Ryke Geerd Hamer viene colpito da un colpo di arma da fuoco a una gamba; i soccorsi tardano ad arrivare, la gamba va in cancrena e dopo mesi di sofferenze muore. Il padre, Hamer, rimane sconvolto dall’accaduto e poco dopo scopre di avere un carcinoma al testicolo che si farà asportare.


Hamer ipotizza quindi che il cancro sia causato da eventi traumatici e nel 1981 elabora la sua teoria sulla nascita delle malattie e il modo di curarle: è la nuova medicina germanica.

La medicina di Hamer si basa, come accennato, sul fatto che eventi drammatici provochino dei conflitti da cui derivano le malattie. Sanare questi conflitti significa quindi debellare le malattie e per questo Hamer formula le sue 5 leggi biologiche e tre principi.


Il primo principio è che batteri e virus sono erroneamente considerati nemici dalla medicina “tradizionale”, mentre potrebbero aiutarci a guarire. Il secondo è appunto che conflitti non sanati provocano la DHS o Dirk Hamer Syndrome (Dirk è il nome del figlio, che gli avrebbe confidato tali principi in un’apparizione), una condizione che provoca il cancro. Il terzo consiste nella possibilità di visualizzare chiaramente i traumi attraverso TAC, ad esempio come cerchi concentrici.

hamerSe il primo principio, pur nel suo delirio, presenta qualche tratto comune con vere strategie terapeutiche, i cerchi concentrici altro non sono che artefatti: come spiegato nel blog del divulgatore scientifico Salvo Di Grazia questi errori sono dovuti a meccanismi ottici tipici delle vecchie immagini radiologiche.

Su molti siti di dubbia affidabilità (ma considerati punto di riferimento per i “seguaci” di questa terapia) vi sono elenchi di tipi di cancro e le loro cause. Ad esempio il cancro ai bronchi sarebbe dovuto a un “conflitto di territorio indiretto, cioé quando la sfera personale e dello spazio vitale è insidiata da sensi di colpa, da mimnacce o semplicemente da paure, da insicurezze irrisolte dell’infanzia o dell’adolescenza, riattivate da specifici eventi” (fonte MEDNAT.it).

Ma almeno funziona? Sembra proprio di no.

La prima paziente fu la moglie di Hamer, che si ammalò di cancro e che morì nel giro di poco: Hamer si è sempre giustificato sostenendo che ladonna non aveva sufficiente fiducia nella medicina germanica.

Nei decenni a seguire (e ancora adesso) sono molti che si affidano alle sue cure, anche se non c’è un solo caso documentato di guarigione: i dati sono pochissimi, nessuna valutazione medica seria e le guarigioni sono spiegate essenzialmente da testimonianze e aneddoti difficilmente valutabili. Al contrario ci sono stati casi in cui la fiducia nella medicina germanica ha comportato l’abbandono dei trattamenti medici “convenzionali”, mettendo a rischio la vita i pazienti o conducendoli alla morte.

La storia di Hamer non finisce qui, perché la sua vita è stata un vero travaglio: radiato dall’ordine dei medici già nel 1985, fu arrestato nel 1997, liberato e ricondannato un paio di volte. Accusato di antisemitismo e odio razziale, è tutt’ora latitante, probabilmente in Norvegia.

In conclusione, la nuova medicina germanica è frutto delle teorie di un ex medico, ora latitante: non ha alcun senso scientifico, si basa su errate interpretazioni e soprattutto, nonostante i proclami, non esiste nessun caso di guarigione sicuramente dovuta a questa terapia. La fiducia in questa pseudomedicina, inoltre, arreca un grave danno a tutti coloro che hanno veramente bisogno di cure e che rischiano di abbandonare strategie efficaci, abbagliati dalla speranza di guarigione.
Federico Baglioni

About Federico Baglioni

Biotecnologo curioso, ho frequentato un Master in giornalismo scientifico a Roma. Sono autore di articoli e libri di divulgazione scientifica, organizzo eventi scientifici e sono fondatore di Italia Unita Per La Scienza e 06Scienza. Mi trovate su YouTube, G+, Facebook e @FedeBaglioni88

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>